Passione Auto: Salone Dell’auto di Torino Parco Valentino

Uno degli appuntamenti più attesi per gli appassionati del mondo dell’auto oltre al Motor Show di Bologna, è il Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino, che giunge alla sua 4ª edizione.
Dal 6 al 10 giugno 2018, le piazze torinesi saranno il fulcro della festa dell’automobile: “Ospitare a Torino i collezionisti e le loro supercar, arrivati da tutta Italia” dice Andrea Levy, presidente del Salone dell’Auto di Torino “rappresenta il miglior modo di riaccendere l’interesse per le automobili anche nei giovani, partendo dal lato emotivo per arrivare ad approfondire il tema culturale e tecnologico, con particolare attenzione alle nuove motorizzazioni elettriche e ibride e contribuendo, così, al rilancio a 360° del settore automotive italiano”.

 

foto-blog

 

Chi ci sarà?

Ci saranno brand come Abarth, Alfa Romeo, Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Cupra, DR, Ferrari, Fiat, Honda, IED, Italdesign, Jaguar, Jeep, KIA, GFG Giugiaro, Lancia, Land Rover, Lexus, Maserati, Mazda, McLaren, Mercedes-Benz, Pagani, Pininfarina, Porsche, SEAT, Skoda, Smart, StudioTorino, Suzuki, Tesla, UP Design, Volkswagen, Volvo, SPICE-X e molti altri ancora.

 

Il Salone diffuso

L’esposizione si svolge all’ aperto e l’accesso sarà libero. In calendario ci sono raduni, meeting, ’Road to’ ed eventi dinamici che attireranno l’attenzione degli appassionati di automobili di tutta Italia. Per accedere ad eventi esclusivi come l’esibizione delle icone del mondo auto all’ interno del Cortile del Castello del Valentino, sarà necessario il biglietto elettronico, scaricabile dal sito internet ufficiale del Salone.
La festa coinvolgerà tutta Torino, partirà da piazza san Carlo che accoglierà auto elettriche e ibride, e seguirà un’esposizione itinerante di pezzi storici di Ferrari, Maserati, Lamborghini e Porsche in piazza Carlo Alberto. In piazza Bodoni invece verrà raccontata la storia e l’evoluzione della quattroruote simbolo dell’ Italia anni 50: Fiat 500. Il raduno Aston Martin si concentrerà in piazza Vittorio Veneto dove verrà celebrata anche la mitica Lancia Delta Integrale. Sempre in piazza Vittorio Veneto, durante la settimana, il pubblico parteciperà alla festa organizzata dal Ferrari Club Italia che radunerà i classici del cavallino, insieme alle 8 e 12 cilindri che hanno fatto la storia della casa di Maranello. Sotto i portici di via Po sarà allestita una mostra fotografica dedicata alla storia e l’evoluzione dei brand intitolata “Un percorso nella storia dell’automobile” ed è composta da pannelli sospesi nelle arcate dei portici, ciascuno dei quali espone l’evoluzione di un brand dalla sua data di fondazione, quindi la fotografia della prima vettura prodotta all’ ultimo modello lanciato sul mercato. Da Mercedes-Benz, nata nel 1886, a Tesla, che è stata fondata nel 2003, in un cammino che ripercorre l’evoluzione stilistica e ingegneristica di uno dei simboli della modernità e dell’evoluzione dell’uomo. In questa 4ª edizione del Salone dell’Auto di Torino diventerà un vero e proprio “Salone diffuso”, con tante location ricche di eventi dinamici e approfondimenti.

Nella sera del 6 giugno ci sarà una sfilata “Supercar Night Parade”, evento glamour che chiude la giornata inaugurale della manifestazione. Da piazza Vittorio Veneto si ritroveranno i proprietari di supercar che si accoderanno alle vetture ufficiali delle case automobilistiche con destinazione Parco Valentino. In tarda serata per tutta la settimana, evento suggestivo sarà la proiezione sulla Mole Antonelliana dei loghi delle auto che hanno fatto la storia ad eccezione del venerdi 8 giugno che per il 70° anniversario della Porche, verrà proiettato l’evoluzione del logo della Porsche sempre sulla Mole Antonelliana.

In programma domenica 10 giugno: 40 chilometri di passerella panoramica che, dopo aver attraversato le strade del centro cittadino, continuerà tra i tornanti della collina per giungere alla Reggia di Venaria. Il pubblico potrà assistere alla sfilata di 200 equipaggi che rappresentano la storia dell’industria automobilistiche: da modelli del 19° secolo alle auto elettriche del domani.